ScampiaToday

Piscinola, ecco come allevavano con crudeltà i pitbull della camorra

In via Vittorio Emanuele scoperti quattro esemplari di cani da combattimento per gare clandestine. Gli animali vivevano di stenti, in alcune gabbie di ferro, con poca acqua e fra le loro stesse feci

Pitbull

Gli agenti di Polizia del commissariato Scampia, diretto dal vice questore Michele Spina, hanno scoperto nelle cosiddette "Palazzine", in via Vittorio Emanuele a Piscinola, alcuni recinti in muratura abusivi, dove erano rinchiusi quattro cani di razza pitbull.

Gli animali venivano allevati con lo scopo di farli combattere clandestinamente, come si può intuire dalle numerosi cicatrici ritrovati sul corpo.

I cani vivevano di stenti, incatenati all'interno di strettissime gabbie di ferro, con poca acqua e fra le loro stesse feci.

Le gabbie sono state tagliate dal personale dei vigili del fuoco, e tutti i pitbull sono stati liberati per essere affidati alle cure dei veterinari Asl.

 

Potrebbe interessarti

  • Capri, in vendita casa da sogno con meravigliosa vista sul Golfo

  • I farmaci generici sono davvero uguali a quelli di marca?

  • Il fiore delle streghe: come riconoscere la pianta assassina e perché è pericolosissima

  • Oleandro: perché bisogna stare molto attenti a questa pianta

I più letti della settimana

  • Presunto furto in autogrill per la moglie di Gianni Nazzaro: arrestata

  • Lutto nel mondo di Un Posto al Sole, addio alla "madre" di Giulia Poggi

  • Colpo di scena: il Chelsea prova a convincere Sarri a restare a Londra

  • Tony Colombo elogia i piatti preparati dalla moglie Tina: "Donne italiane, curate i vostri mariti"

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 17 al 21 giugno

  • Scuse di D'Alessio e D'Angelo: la parodia di Palma e Cicchella è virale

Torna su
NapoliToday è in caricamento