ScampiaToday

Scampia, 150 famiglie lasciate al buio: la denuncia

"Ventisette palazzi e strade limitrofe di Scampia lasciate al buio in quanto non è stata attivata la fornitura Enel dopo le dismissione del patrimonio immobiliare iacp", afferma Angelo Pisani

"Centocinquanta famiglie, 27 palazzi e strade limitrofe di Scampia lasciate al buio dal Comune, che non ha attivato la fornitura Enel dopo le dismissione del patrimonio immobiliare iacp", denuncia Angelo Pisani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In una città martoriata dalla quotidiana violenza, dove la sicurezza e il diritto alla vivibilità dei cittadini dovrebbe essere la prima preoccupazione di qualsiasi pubblico amministratore, il sindaco De Magistris non interviene dopo il taglio della luce pubblica a ben 150 famiglie di Scampia abitanti in 27 palazzi, tutti al buio pesto dal 19 aprile scorso. Nei primi giorni di aprile lo IACP, nell’ambito della dismissione programmata del suo patrimonio, trasferisce alla gestione del Comune, come previsto, 27 palazzi dell’ex Rione Ises in cui risiedono 150 famiglie, molte delle quali comprendenti anziani e bambini. Il 16 aprile l’Istituto comunica all’Enel il cambio di gestione, presentando disdetta. Tre giorni dopo, il 19 aprile, l’Enel stacca la corrente elettrica ai 150 alloggi dei 27 palazzi, rimasti da allora completamente al buio in una condizione di estremo pericolo". Una situazione inaccettabile per il presidente della Municipalità Angelo Pisani, che raccoglie e rilancia l’esasperazione degli abitanti: "Abbiamo più volte interpellato la Napoli Servizi per interventi urgenti finalizzati a mettere in sicurezza queste famiglie – spiega – ma ci è stato risposto che non è di loro competenza". "Sono già arrivate segnalazioni di episodi inquietanti favoriti dal buio, stiamo parlando di una condizione che si verifica in palese violazione dei diritti umani, oltre che, evidentemente, della doverosa tutela dell’ordine pubblico". "Non ci resta che rivolgere un invito urgente al prefetto Gerarda Maria Pantalone affinché intervenga per tutelare la pubblica incolumità e restituire a queste famiglie dignità e sicurezza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1103 casi in Campania: l'aggiornamento della Protezione civile

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Schianto su corso Campano, sbalzati dallo scooter: paura per due ragazzi

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

Torna su
NapoliToday è in caricamento