ScampiaToday

Sassaiola contro bus Anm, paura nella notte

L'ennesimo episodio di vandalismo ad opera di una babygang è avvenuto in via Labriola a Scampia. Miracolosamente illeso il conducente

Ancora un raid vandalico, ad opera di babygang, contro un bus dell'Anm. Questa volta si è trattato di una sassaiola ai danni di un vettore della linea 580, avvenuta in via Labriola a Scampia. I vandali, come raccontato dal Mattino, hanno agito intorno alle 22.30.

All'avvicinarsi ad una fermata l'autista, un 43enne, ha notato il gruppetto. Sono subito partite le pietre, alcune delle quali hanno colpito il finestrino dietro al quale si trovava l'uomo, che per fortuna non è rimasto ferito. Sul bus non c'erano passeggeri.

Agli agenti intervenuti ha spiegato che i ragazzini erano almeno sei o sette, tra i dieci e i tredici anni. Quello di cui è stato suo malgrado protagonista il dipendente Anm è solo l'ultimo di una sequela impressionante di episodi simili, addirittura il 70mo nel 2016.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Abbiamo chiesto tavoli di sicurezza con la Prefettura e la collaborazione trasversale di tutte le istituzioni comunali e regionali – spiega Adolfo Vallini del coordinamento provinciale Usb – ma la violenza continua a mettere a rischio lavoratori e passeggeri, invochiamo misure di emergenza”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Napoli usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1103 casi in Campania: l'aggiornamento della Protezione civile

  • Muore commerciante di Salvator Rosa, la cognata: "Non hanno voluto farle il tampone"

  • Schianto su corso Campano, sbalzati dallo scooter: paura per due ragazzi

  • Morte lavoratore Anm, tra un anno sarebbe andato in pensione: positivo dopo un viaggio al nord

  • Coronavirus, salgono a 1309 i contagiati in Campania

  • Lapo Elkann promette aiuti a Napoli: “Non posso dimenticare le mie origini”

Torna su
NapoliToday è in caricamento